top of page

L'Italia ha una cultura formale?

Sembrerebbe strano solo pensare che l’Italia sia una cultura formale, del resto gli italiani urlano, gesticolano, si toccano, si baciano e parlano ad una distanza così ridotta. È vero, ma non dobbiamo confondere le caratteristiche di uno stile comunicativo con il registro, formale o informale, di una situazione. Ma prima di continuare a leggere l’articolo vi invitiamo a seguirci anche su Facebook e di ascoltare il nostro Podcast.


In generale, possiamo dire che l’Italia è un paese piuttosto formale e lo si capisce dalle tantissime strategie di comunicazione formale che ci sono. Dal dare del lei e del voi ad una gesticolazione più attenuata, dallo stringersi la mano alle forme di saluto più educate, dal condizionale ad un tono di voce più pacato. A questo punto non ci resta che capire in quali circostanze gli italiani si comportano in maniera formale.


4 consigli fondamentali


Prima di osservare le variabili che determinano la formalità o l'informalità, diamo quattro consigli fondamentali:

1. Saper interpretare il contesto è fondamentale, alcune situazioni apparentemente formali potrebbero non esserlo perché il vostro interlocutore è particolarmente “socievole” o perché molto giovane o semplicemente espansivo.

2. Se voi siete ospiti, clienti, pazienti ecc., e il vostro interlocutore decide di scendere a un registro informale, dovreste seguirlo perché non farlo significa mettere una distanza, qualcosa del tipo “tu al posto tuo e io al mio”

3. Se sospettate di poter essere informali ma non ne siete sicuri, chiedete. Basterà dire “Posso darle del tu? Ci diamo del tu?”

4. Siate tranquilli, gli italiano sono un popolo empatico con gli stranieri, aprrezzano molto lo sforzo di imparare la lingua e passano sopra agli errori grammaticali e culturali


Diciamo che gli elementi che determinano la formalità o l’informalità di un colloquio sono: la situazione, il rapporto e l’età. Ovviamente, non è una scienza esatta, molto spesso i contesti sfuggono a queste indicazioni.


La situazione


Generalmente la maggior parte delle situazioni pubbliche in Italia è formale e dunque bisogna usare un registro altrettanto formale. Con situazioni pubbliche si intende qualsiasi luogo pubblico, potrebbe essere un ufficio postale o un supermercato, una scuola o un’università, un parrucchiere o un barbiere, un ristorante o un bar. Ad ogni modo, ricordate che nel momento in cui frequentate spesso quel posto ad un certo punto potrebbe diventare informale; immaginate un uomo che ogni settimana si reca dallo stesso barbiere, prima o poi entreranno in confidenza.


Il rapporto


Senza dubbio il rapporto verticale tipico dei grandi uffici, delle grandi aziende e di molti altri settori del lavoro fa la differenza. Ci sono circostanze in cui, sebbene una persona la si veda spesso o abbia la stessa età, si continua a conservare un rapporto formale. Il mondo militare, ad esempio, ma anche le grandi aziende con tanti dipendenti, o alcune altre professioni che per “diritto sociale” si trattano sempre con il rigore della formalità: medici, avvocati, ingegneri ecc. In passato anche i rapporti famigliari venivano regolati dalla formalità, oggi non più.


L’età


Questo fattore è stato determinante in passato, oggi lo è un po’ di meno. Generalmente si usava la formalità con le persone più grandi, oggi è difficile perché le persone non vogliono sentirsi anziane e spesso sono molto suscettibili a riguardo. Ovviamente l’età subisce anche il potere delle altre variabili (situazione e rapporto) ma possiamo dire con certezza che si conserva ancora una certa attenzione con gli anziani che occupano un posto elevato nella società italiana. Con loro si continua a dare del lei o del voi, al sud soprattutto.


Età VS Situazione VS Rapporto

Quale di queste variabili ha più influenza? Difficile dirlo, si intrecciano e alla fine ci si riesce facilmente a rendere conto da soli. Solitamente l’età non fa più tanta differenza, a meno che non si tratti di un bambino o di un ragazzino con i quali bisogna essere informali. Sicuramente la situazione pubblica oppure con gente sconosciuta è un contesto che si mantiene formale e va sempre rispettata la sua formalità. Bisogna ricordare sempre che un errore comunicativo vale come cento errori grammaticali!

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page